Per seminare pensiero politico, in un tempo nel quale l’antipolitica e il populismo sembrano gli unici vincitori, la Fondazione Lazzati propone il volume Aprire percorsi. Per un impegno da giovani credenti in politica (In dialogo, pagine 224, euro 18).

Questo libro curato da don Walter Magnoni, Mario Picozzi e Alberto Ratti è frutto di un lavoro di incontri di studio, approfondimento e confronto realizzati con un gruppo di giovani, per rileggere l’insegnamento di Giuseppe Lazzati e riflettere su come il messaggio del professore fosse ancora attuale. In particolare, ci si è interrogati sul senso dell’impegno socio-politico, per non lasciare che tale ricchezza andasse perduta, provando a ragionare in modo comunitario su come potrebbe essere una formazione socio-politica.

Pensare insieme comporta la fatica dell’ascolto, l’umiltà di confrontarsi e perfezionare il proprio ragionamento, la pazienza per i tempi che si allungano. Ma questa modalità produce contributi ben radicati nel terreno, non costruiti sulla sabbia dell’emozione del momento, in grado di affrontare la temperie della discussione e di concorrere stabilmente all’edificazione della città dell’uomo.

«La formazione all’impegno socio-politico non è nella top ten del gradimento dei giovani o tra le priorità del mondo cattolico. Ma se si riveste della capacità profetica richiamata da papa Francesco in Laudato si’ e Fratelli Tutti essa appare un modo per abitare il mondo. Impegnarsi è mettersi in gioco perché le scelte quotidiane si trasformino in responsabilità per i fratelli e per le creature dono di Dio creatore. Un giovane ha bisogno di scoprire non solo chi è, ma “per chi è”. Nello spendersi trova risposte agli interrogativi profondi della sua vita. Allora si capisce che la sfida da giocare è a livello intergenerazionale. Un investimento sui giovani è un segno che il vento dello Spirito sta soffiando sulla Chiesa e sul mondo