Dopo due anni dedicati al libro dell’Esodo, in ascolto della Parola di Dio attestata nelle Scritture dell’Antico Testamento, si torna al Nuovo Testamento, in particolare alla Lettera ai Filippesi. Il nuovo sussidio, per l’anno pastorale 2019/2020, realizzato dalla Commissione diocesana dei Gruppi di Ascolto della Parola, ha come titolo «Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù» (In dialogo, pag. 128, Euro 8,50).

Per espresso desiderio dell’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, la Chiesa ambrosiana si porrà in attento ascolto della Lettera ai Filippesi. Lo stesso Arcivescovo ha chiesto ai Gruppi di Ascolto della Parola di dedicare il prossimo anno pastorale all’approfondimento della cosiddetta «Lettera della gioia».

L’occasione di leggere per intero una lettera dell’apostolo delle genti è davvero una grazia. Non si tratta di una delle grandi lettere teologiche (come Galati e Romani) e nemmeno di una lettera dove la situazione della comunità chiede a Paolo una serie di interventi circostanziati (come la Prima ai Corinti). In Filippesi prevale il tono della consolazione, della gioia, dell’affetto. Inoltre la sua brevità (si tratta di quattro capitoli) permette di ascoltarla e meditarla per intero, dall’inizio alla fine, senza alcuna omissione.

Il sussidio per i Gruppi di Ascolto si compone di due parti. V’è anzitutto un’introduzione generale a Paolo e in particolare alla Lettera ai Filippesi. Un grazie sincero a padre Gianfranco Barbieri, Oblato di Rho, che ha scritto questa preziosa introduzione. La seconda parte sono le ormai classiche sette schede che percorrono l’intera lettera di Paolo. Esse sono state scritte da Luca Crippa con l’aiuto dell’intera Commissione diocesana dei Gruppi di Ascolto della Parola.